Dietro il comportamento compulsivo di giocare con i videogiochi si trova una compulsione profondamente radicata nel nostro cervello che è quella di organizzare le cose. Molti ricercatori hanno suggerito che la passione di far combaciare modelli affinchè siano corrispondenti, proprio come un bambino che spinge il blocco sagomato nel foro corrispondente, sia una azione compulsiva umana di base.L’ antropologa dei giochi Natasha Dow Schüll, presso il Massachusetts Institute of Technology, suggerisce che è il ciclo ludico che innesca il gioco dipendente e ossessivo. I cicli ludici sono brevi e piacevoli forme di feedback che stimolano un comportamento ripetitivo, se non compulsive. Ad esempio, le slot machines attirano persone in cicli brevi di azioni ripetute. Facciamo qualcosa e la macchina risponde con luci, suoni tintinnanti e, occasionalmente, premi in denaro. La commutazione costante e ripetitiva tra certezza e incertezza è ciò che attira le persone nella dipendenza e nell’assuefazione. La nostra affinità a questo tipo di attività è in genere attribuita alla presenza di dopamina, una sostanza chimica di segnalazione nel cervello che è stata collegata a piacere derivante dalla premiazione, dal gioco d'azzardo e dal gioco. Recentemente, la ricerca ha confermato che la produzione e l'attività della dopamina è legata alla compulsione a ripetere un'attività se tale attività è piacevole. Una volta che questa costrizione è stata istituita il condizionamento diventa incredibilmente persistente.

La prossima generazione di tecnologia indossabile ha lo scopo di incorporare sensori nei vestiti, grazie ai quali è solo necessario vestirsi per iniziare a monitorare la nostra salute. I primi prototipi di capi di abbigliamento sono in grado di misurare la frequenza cardiaca tramite sensori ECG su una maglietta o di monitorare l'attività cerebrale tramite sensori EEG messi in un cappellino. I pantaloncini da ciclismo possono misurare come i muscoli stanno lavorando duramente l’esercizio fisico e sensori al torace sono in grado di misurare il tasso di respirazione basato sui movimenti del torace, di chi lo indossa mentre respira. Nel 2010, un ricercatore presso l'Università della California, ha sviluppato mutande intelligenti per monitorare i segni vitali dei soldati. L'ambito di prevenzione della tecnologia indossabile è attraente. L'Unione Europea sta finanziando un progetto internazionale di abbigliamento intelligente di ricerca denominato MyHeart, che si spera aiuterà a prevenire le malattie cardiovascolari - la principale causa di morte in Occidente. Ulteriori studi mirano a rilevare attacchi di diabete, lo stress, apnea del sonno o asma. In futuro potremmo avere abiti eleganti che potrebbe diagnosticare le malattie prima ancora che ci sentiamo male!

Tracce sottili nel nostro DNA possono rivelare quello che ci è successo durante la nostra vita. Anche se la maggior parte degli studi si sono concentrati su esperienze di vita negative, come la pedofilia, anche le esperienze positive alterano la nostra struttura dell'epigenome – ossia di i modelli di etichette e di sequenziamento nel DNA. Rachel Yehuda, una neuroscienziata presso la clinica Mount Sinai Hospital, New York, conferma che entrambe le esperienze negative e positive hanno un impatto sulla nostra biologia e possono alterare il nostro DNA. La buona notizia è che alcuni cambiamenti dell’ epigenome sono reversibili e che anche le cose semplici come la dieta, la meditazione, il coaching o il counselling possono alterare il nostro epigenome.

È sempre più evidente che gli antiossidanti sono più nemici che amici. Martin Bergö presso l'Università di Göteborg, in Svezia, spiega che, mentre gli antiossidanti possono proteggere le cellule sane dai danni al DNA, essi proteggono anche le cellule tumorali dalle nostre difese dell'organismo. Gli antiossidanti sono sostanze chimiche, come il beta-carotene e vitamin E e C, che assorbono i radicali liberi distruttivi prodotti quando le nostre cellule metabolizzano le sostanze nutritive. Sembra ora che gli antiossidanti mentre rastrellamento i radicali liberi disattivano un gene chiamato p53 il cui compito è quello di distruggere le cellule con il DNA difettoso, comprese le cellule tumorali. Ciò significa che le cellule tumorali possono continuare a crescere. Bergö raccomanda cautela nell'uso di antiossidanti per le persone che hanno tumori. Il suo studio non dice nulla circa l'uso degli antiossidanti nelle persone sane e il loro rischio di cancro in futuro. Tuttavia, egli suggerisce che per le persone con un rischio elevato di cancro potrebbe essere necessario ripensare il loro apporto di antiossidanti.

Ci vogliono fino a 24 ore per cambiare l'equilibrio di potere nel nostro intestino. Il passaggio a una dieta basata esclusivamente su carne o vegetali provoca rapidi cambiamenti ai microbi che regolano il nostro intestino. Il corpo umano contiene una comunità di vari organismi noti come microbioma. Queste cellule microbiche sono più numerose delle nostre cellule in un rapporto da 10 a 1 e colonizzano per la maggior parte il nostro intestino. Peter Turnbaugh presso la Harvard University e i suoi colleghi hanno studiato i cambiamenti nella dieta e il suo effetto sui microbi nell'intestinodei topi. Nel caso della dieta a base animale, hanno visto un aumento del batterio Bilophila wadsworthia, che aiuta la digestione dei grassi saturi nel latte. Tuttavia, un incremento di questi batteri è stato collegato ad una malattia infiammatoria intestinale. Il passaggio a una dieta a base vegetale, indotto da un aumento del numero di batteri che producono un acido grasso chiamato butirrato, sembra ridurre l'infiammazione. Harry Flint presso l'Università di Aberdeen, Regno Unito, afferma che il butirrato si pensi possa ridurre il rischio di cancro del colon-retto, stimolando la salute delle cellule che rivestono l'intestino e spingendo le cellule cancerose ad autodistruggersi. È interessante notare che le modifiche ai microbiomi nell’intestino avevano breve. Si è notato che tornavano alla struttura originaria circa due giorni dopo che le persone tornavano alla loro dieta normale.

Ciò che è buono per il cuore è buono per il cervello. Uno studio condotto da Carol Brayne epidemiologa presso l'Università di Cambridge, nel Regno Unito, dimostra che il livello di demenza nel Regno Unito e nella Danimarca è notevolmente diminuito nel corso degli anni. La demenza è una degenerazione generale dell'intelletto e della personalità, con la disintegrazione della memoria, dell’ attenzione e del controllo emotivo. Circa due terzi dei casi di demenza sono causati dalla malattia di Alzheimer, in cui i neuroni muoiono circondati da ciuffi distintivi di proteine. La forma più comune di demenza è anche la demenza vascolare, causata dal deterioramento dei vasi sanguigni del cervello, che spesso causa attacchi minori. Sembra che le attività intellettuali come l'istruzione a lungo termine, diverse e moltepici funzioni cognitive svolte durante tutto il corso della vita, una dieta ricca di pesce, verdure e frutta e non troppa carne rossa o junk food (cibo spazzatura) ad alto contenuto calorico contribuiscano a mantenere sani i vasi sanguigni e a combattere la demenza. I vasi sanguigni sani sono fondamentali per una buona funzione cognitiva in età avanzata, riducendo al minimo il rischio di demenza vascolare e cognitiva. L'esercizio fisico aiuta anche a rallentare il declino intellettuale con l'avanzare dell'eta`.

Mangiare una dieta ricca di fibre potrebbe innescare cambiamenti nel sistema immunitario che proteggono contro l'allergene che causa l’asma. Benjamin Marsland presso l'Ospedale Universitario di Losanna in Svizzera, ha trovato che i topi nutriti con una dieta povera di fibre avevano il doppio del numero di cellule immunitarie associate a infiammazione asmatica, rispetto ai topi che avevano una dieta standard, dopo che entrambi i gruppi di topi erano stati esposti alla polvere in casa piena di acari. I topi che avevano mangiato integratori di fibre oltre alla dieta standard avevano mostrato una riduzione di queste cellule immunitarie - ma solo se il supplemento risultava facilmente fermentabile nell'intestino. Questo suggerisce che l'effetto protettivo delle fibre può essere fatto risalire ai batteri intestinali che si sviluppano per effetto della fermentazione.

Gli esercizi fisici hanno effetti benefici multipli.
Alterano le particelle grasse - trigliceridi - nel flusso del sangue rendendo più facile per gli enzimi il lavoro di distruzione dei grassi. Aiutano a bruciare gli zuccheri in eccesso perchè l’insulina e le contrazioni dei muscoli, durante gli esercizi, attivano una molecola che aiuta ad assorbire il glucosio. Si calcola anche che una dose moderata di esercizi fisici riduce la possibilità di sviluppare diabete tipo 2 del 58 per cento, circa il doppio del potere preventivo delle medicazioni prescritte largamente contro il diabete.

Si calcola che siano sufficienti 150 minuti alla settimana di attività aerobica moderata come le camminate veloci o il giardinaggio, oppure 75 minuti alla settimana di attività vigorosa come andare in bicicletta, correre, nuotare con ritmo sostenuto, o giocare a tennis.
Noltre, gli esercizi fisici stimolano le cellule che assorbono extra energia per bruciare ciò di cui il corpo non ha bisogno, includendo cellule mutate del DNA o cellule del DNA che non funzionano più propriamente e che potrebbero causare cancro se permangono a lungo. È risaputo che l’esercizio fisico aiuta a combattere la demenza senile e la degenerazione neuronale. Gli esercizi fisici, inoltre lavorano sull’ippocampo che è la parte vitale per la memoria.

Il sistema nervoso enterico gioca un ruolo importante per il nostro benessere mentale e fisico. Michael Gershon, professore di biologia cellulare presso il Columbia Prebisterian Medical Center in NY afferma che il sistema nervoso enterico, parte del sistema nervoso autonomico, è pieno di neuroni e funziona come se fosse un secondo cervello. Quando un agente patogeno entra nelle pareti intestinali le cellule immunitarie presenti nelle pareti secernono sostanze infiammatorie, istamine incluse, che sono captate dai neuroni presenti nel sistema nervoso enterico. Il cervello di quel sistema nervoso dunque scatena forme reagenti e di difesa come la diarrea. Circa il 90 per cento dei segnali che passano attraverso il nervo vago, presente nel nostro cervello, provengono dal sistema nervoso enterico. I neuroni presenti nei nostri intestini, continua Michael Gershon, hanno la capacità di generare tante dopamine, le molecole coinvolte nella produzione del benessere, quante ne può generare il nostro cervello. Si pensi, afferma il professore, che circa il 95 per cento della serotonina presente nel corpo si trova nel sistema nervoso enterico. Dunque facciamo il possibile per tenere da conto i nostri intestini, curiamo la nostra alimentazione e la nostra salute fisica e mentale!

Meditare pensieri gentili aiuta a corroborare il sistema immunitario e il benessere psico-fisico. Uno studio condotto dalla psicologa Barbara Fredrickson, presso North Carolina University in Chapel Hill, afferma che esiste una relazione tra nutrire pensieri gentili verso sé stessi e gli altri, facendo meditazione, e l’aumento dell’attività del nervo vago e del suo tono (tono vagale) provocando il miglioramento della salute fisica e mentale. Il nervo vago è una componente chiave del sistema nervoso parasimpatetico che lavora per calmarci dopo situazioni di stress. Ha un ruolo importante nella stimolazione di insulina. Coloro che hanno un tono del nervo vago basso non riescono molto bene a regolare i livelli di glucosio nel sangue e hanno difficoltà a sopprimere l’infiammazione. Questi fattori sono associati a problemi di cuore, infarti e diabete. Nutrire una buona stima di sé stessi, oltre che coltivare pensieri gentili, aiuta inoltre ad aumentare il livello di tono del nervo vago.

Le nostre capacità cognitive possono essere compromesse se riduciamo il nostro livello di insulina. L’insulina, un ormone che aiuta i neuroni presenti nell’ippocampo e nel globo frontale del nostro cervello, usa il glucosio per produrre energie e regola i neurotrasmettitori (acetylcholine) che sono cruciali per la memoria e per l’apprendimento. L’insulina incoraggia la plasticità del nostro cervello, ovvero il processo attraverso il quale i neuroni cambiano forma, creano nuove connessioni e rafforzano quelle esistenti. Quando una persona è obesa, l’insulina si riduce drasticamente. L’obesità infatti causa il rilascio di molecole infiammatorie e metaboliche dello stress nel fegato e nelle cellule dei grassi interferendo sull’azione dell’insulina e causando alti livelli di glucosio nel sangue e di resistenza all’insulina. Vogliamo ricordare che anche l’alcol riduce il numero di ricettori dell’insulina nel cervello. Dunque attenzione alla dieta e all’alcol!

Consiglio per chi studia. Correre per tre minuti due volte, a distanza una dall’altra, prima di studiare o di memorizzare qualche cosa facilita il rilascio di neurotrasmettitori coinvolti nella formazione di nuove connessioni tra le cellule del cervello. Aiuta dunque a memorizzare meglio. Nello stesso modo, muovere le mani e il corpo (act out) mentre si studia qualche concetto astratto, associando il movimento alle parti del concetto, aiuta molto a memorizzarlo con più facilità. Provare per credere e...a qualsiasi età!

La risposta fisiologica allo stress è frutto di un’evoluzione fisica per proteggerci dai danni dello stress ma può essere deviata e diventare negativa quando ne perdiamo il controllo. Ciò è quanto afferma il neuroendocrinologo Bruce McEwen di Rockfeller University NY, il quale spiega che in una situazione normale, vivere lo stress provoca nel corpo reazioni fisiologiche producendo una certa quantità di energia, mandando un picco di glucosio ai muscoli e aumentando il battito cardiaco, la pressione del sangue e la respirazione per far arrivare ossigeno ai muscoli in modo veloce. Nello stesso tempo, i vasi sanguigni si restringono e i fattori di coagulazione aumentano, pronti a rallentare la sanguinazione in caso di ferimento. Questa è la tipica reazione-risposta allo stress, definita in inglese come fight or flight, ossia lotta o fuggi. Una volta che lo stress è passato, tutte queste risposte fisiologiche dovrebbero placarsi.
Tuttavia, per coloro che sono sotto stress in modo ripetitivo e consistente, la risposta fisiologica non viene mai disinnescata lasciando livelli di zuccheri non regolati (in altre parole l’insulina non ha effetto), alta pressione del sangue, un aumentato rischio di coaguli di sangue (ictus), ridotto desiderio sessuale ed un sistema immunitario instabile. Inoltre, un’esposizione prolungata allo stress influenza anche il cervello alterando la struttura dei neuroni e le loro connessioni, le quali, a loro volta, influenzano il comportamento e i processi ormonali. È dunque importantissimo saper gestire lo stress a livello quotidiano!

Informazioni aggiuntive