Ciò che è buono per il cuore è buono per il cervello. Uno studio condotto da Carol Brayne epidemiologa presso l'Università di Cambridge, nel Regno Unito, dimostra che il livello di demenza nel Regno Unito e nella Danimarca è notevolmente diminuito nel corso degli anni. La demenza è una degenerazione generale dell'intelletto e della personalità, con la disintegrazione della memoria, dell’ attenzione e del controllo emotivo. Circa due terzi dei casi di demenza sono causati dalla malattia di Alzheimer, in cui i neuroni muoiono circondati da ciuffi distintivi di proteine. La forma più comune di demenza è anche la demenza vascolare, causata dal deterioramento dei vasi sanguigni del cervello, che spesso causa attacchi minori. Sembra che le attività intellettuali come l'istruzione a lungo termine, diverse e moltepici funzioni cognitive svolte durante tutto il corso della vita, una dieta ricca di pesce, verdure e frutta e non troppa carne rossa o junk food (cibo spazzatura) ad alto contenuto calorico contribuiscano a mantenere sani i vasi sanguigni e a combattere la demenza. I vasi sanguigni sani sono fondamentali per una buona funzione cognitiva in età avanzata, riducendo al minimo il rischio di demenza vascolare e cognitiva. L'esercizio fisico aiuta anche a rallentare il declino intellettuale con l'avanzare dell'eta`.